Riducal Grassi 30 Compresse: funziona davvero?

Aggiungi alla lista dei desideriAggiuntoRemoved from wishlist 4
Scrivici cosa ne pensi!
Avvisami quando raggiunge un certo prezzo
×
Notify me, when price drops
Set Alert for Product: Integratore Alimentare Per Il Controllo Del Peso Riducal Grassi 30 Compresse - 14,90€

14,90

Prezzo migliore amazon.itAmazon
Compra al miglior prezzo

Integratore alimentare a base di vitamine ed estratti vegetali titolati. Contiene estratti di fico d’India, cassia nomame e tè verde che favoriscono il mantenimento dell’equilibrio del peso corporeo. L’estratto di cassia nomame influisce positivamente anche sul metabolismo di trigliceridi e…

MinSan: 900059977
Compresse (Da deglutire intera)
Linea Riducal
Ultimo aggiornamento il 30 Marzo, 2020 04:20

Andamento dei prezzi nel tempo

-

Descrizione

Riducal grassi è la referenza di punta della linea Riducal, prodotta dall’italiana Chemist’s Research, utile a favorire la perdita di peso in un contesto di dieta ipocalorica per azione sul metabolismo dei grassi.

Posologia ed uso

Il piano di assunzione consigliato prevede la somministrazione di 1 compressa durante o dopo ciascun pasto principale, eventualmente in concomitanza con Riducal 1200.

In caso di pasti particolarmente ricchi è possibile in alternativa assumere entrambe le compresse in un’unica somministrazione.

Prezzo

Il prezzo consigliato è pari a € 22.00 per confezione (30 compresse), ma nelle farmacie aderenti è possibile trovarlo in offerta con gli altri prodotti della linea Riducal a metà prezzo.

Composizione ed ingredienti

Analizziamo ora quali sono gli ingredienti di maggiore interesse di Riducal Grassi:

  • Fico d’India;
  • Cassia nomame;
  • Tè verde;
  • Chito-X 100.

La Neopuntia, o fico d’India (Opuntia Fucus Indica) o Nopal in fitoterapia viene utilizzata nella sua interezza, mentre in Riducal Grassi in realtà è utilizzato solo l’effetto dell’estratto secco delle foglie. Le foglie sono la componente carnosa della pianta, il cui nome specifico è cladodi, e forniscono un estratto dalle caratteristiche simili al chitosano: contiene una frazione polimerica, l’opuntiamannano, costituita da zuccheri complessi derivanti dall’unione di zuccheri più semplici, come il galattosio e l’arabinosio. La struttura è a catena lunga e per questo e per le sue proprietà chimiche è in grado di agglomerare altre molecole di zucchero e molecole di grassi. Le molecole così inglobate non vengono assorbite o metabolizzate passando quindi inalterate nell’intestino. Sempre nello stesso estratto sono presenti anche mucillagini e pectine, che svolgono un’azione protettiva verso le mucose gastriche, sali minerali e di vitamine.

La cassia nomame (Cassia mimosoides L. var. nomame Makino) è una pianta leguminosa di origine cinese che cresce anche in zone tropicali dai cui frutti si ricava l’estratto secco usato in erboristeria e in fitoterapia. L’estratto è ricco di sostanze attive fra le quali flavonoidi, come la luteolina, responsabili dell’attività della pianta: studi giapponesi confermerebbero l’azione inibente sulle lipasi, enzimi digestivi adibiti alla metabolizzazione dei grassi; di fatto quest’ultimi vengono idrolizzati nel duodeno grazie anche all’azione biliare. Alcune ricerche hanno evidenziato come sia possibile arrivare fino ad un 30% di riduzione nell’assorbimento dei grassi. L’estratto sembra essere attivo anche sui livelli di colesterolo e dei trigliceridi nel sangue. Altre applicazioni, anche sperimentali della cassia nomame fanno supporre anche un’azione diuretica utile per combattere la ritenzione idrica che spesso si accompagna ad un eccesso di grassi evidenziato spesso sotto forma di cellulite.

Il tè verde (Camellia sinensis) è ormai ubiquitario, lo si trova in quasi tutti i prodotti coadiuvanti la perdita di peso. E’ ricco di principi attivi, caffeina, teobromina e polifenoli che insieme svolgono un’azione sinergica sulle catecolamine, neurotrasmettitori (adrenalina, noradrenalina, dopamina per citarne alcune), aumentandone la produzione e pertanto questi principi attivi esercitano un’azione stimolante sul sistema nervoso che si manifesta con un aumento della termogenesi cioè un aumento del metabolismo basale. Alcuni studi sembrano dimostrare che il consumo regolare di tè verde faccia diminuire significativamente il tasso di trigliceridi e di colesterolo nel sangue.

Il Chito-X 100 è una miscela di estratti vegetali titolati (Senna, Cascara e Frangola) che nonostante il nome non contiene Chitosano; l’effetto sinergico di questi estratti vegetali contenuti in Riducal Grassi è volto a favorire la funzionalità intestinale, esercitando di fatto una lieve azione lassativa in genere molto apprezzata dalle utilizzatrici.

Controindicazioni

Il Tè verde è in genere considerato un estratto sicuro, segnaliamo di avere qualche cautela nel caso di assunzione di farmaci perchè potrebbe avere qualche interazione con alcuni di essi (nel caso delle pillole anticoncezionali potrebbe per esempio aumentare i propri effetti, pur non compromettendo l’efficacia anticoncezionale) o creare qualche problema in soggetti particolarmente sensibili alla caffeina.

Riducal Grassi è invece controindicato nei pazienti con colon irritabile o patologie simili, per la presenza di Senna ed altri estratti lassativi.

Opinioni e pareri: funziona?

Avete provato Riducal Grassi? Che risultati avete avuto? Avete dei dubbi? Scrivete tutto nei commenti!

Composizione

Composizione per singola unità posologica (compressa, capsula, flaconcino, bustina, ...) o per 100 ml nel caso di formulazioni in flacone.
Principio attivoQuantità
Fico d’India1300 mg
Chamaecrista nomame (Sieber) H.Ohashi2100 mg
Senna3100 mg
Cascara450 mg
Frangola550 mg
Tè verde650 mg
Vitamina B170.7 mg
Vitamina E85 mg
Vitamina A90.4 mg
Vitamina D3102.5 mcg
  1. Fico d’India, anche conosciuto/a come Nopal, Opuntia ficus- indica (L.) Mill.
  2. Chamaecrista nomame (Sieber) H.Ohashi, anche conosciuto/a come Cassia nomame, Cassia Mimosoides
  3. Senna, anche conosciuto/a come Cassia fistula L., Cassia angustifolia, Cassia acutifolia
  4. Cascara, anche conosciuto/a come Cascara sagrada, Rhamnus purshianus, Frangula purshiana Cooper
  5. Frangola, anche conosciuto/a come Rhamnus frangula, Frangula alnus Mill.
  6. Tè verde, anche conosciuto/a come Camellia sinensis (L.) Kuntze
  7. Vitamina B1, anche conosciuto/a come Tiamina
  8. Vitamina E, anche conosciuto/a come Tocoferolo
  9. Vitamina A, anche conosciuto/a come Retinolo, Retinale, Beta-carotene
  10. Vitamina D3, anche conosciuto/a come Colecalciferolo

Avvertenze

Disclaimer: Il seguente elenco potrebbe non essere esaustivo, si raccomanda di consultare il proprio medico o farmacista per qualsiasi dubbio, soprattutto nel caso di patologie e/o contemporaneo utilizzo di farmaci o integratori (anche se non segnalati nell'elenco seguente); in caso di comparsa di effetti indesiderati interromperne immediatamente l'assunzione e rivolgersi al medico.

  • Fico d’India
    • In genere l’estratto è ben tollerato e privo di effetti indesiderati, a meno di specifiche sensibilità.
  • Vitamina A
    • Essendo una vitamina liposolubile, ossia in grado di sciogliersi nei grassi, è possibile andare incontro ad un eccessivo accumulo e ai relativi fenomeni di tossicità. Benché possibile, è raro che questa ipervitaminosi si sviluppi attraverso la sola dieta, mentre serve maggior cautela nel caso di assunzione attraverso integratori (l’associazione di diverse formulazioni contenenti vitamina A o derivati va ponderata con cautela, così come è da evitare un aumento indiscriminato delle dosi oltre quelle consigliate dai produttori).
  • Vitamina D3
    • L’eccessiva assunzione di vitamina D, che può derivare dall’assunzione di dosi errate di integratori o dalla contemporanea assunzione di formulazioni che la contengono, può causare effetti collaterali anche gravi (riduzione dell’appetito, aumento della produzione di urina, aritmie cardiache, …). L’esposizione al sole, al contrario, non contribuisce al rischio di sovradosaggio.
    • Tra le principali interazioni ricordiamo come alcuni farmaci possano ridurre l’assorbimento della vitamina (orlistat, colestiramina, fenobarbital, fenitoina).
  • Vitamina E
    • Non sono noti episodi di tossicità legati al solo consumo alimentare di vitamina E.
    • Il sovradosaggio della vitamina attraverso l’integrazione (in genere per errori di assunzione o contemporanea somministrazione di formulazioni che la contengono) può invece causare effetti collaterali anche gravi.
    • La vitamina E può interagire con alcune classi di farmaci, si raccomanda un parere medico nel caso di assunzione di anticoagulanti (come Coumadin), simvastatina, chemioterapia e radioterapia.

Avvertenze generali
  • Non superare la dose giornaliera consigliata dal produttore.
  • Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata ed uno stile di vita sano.
  • Per un utilizzo prolungato rivolgersi preventivamente al proprio medico.
  • Conservare il prodotto in un luogo fresco ed asciutto, al riparo dalla luce e dalle fonti di calore localizzate, dai raggi solari e dall’umidità.
  • Non utilizzare oltre la data di scadenza.

Posso ottenere lo stesso risultato senza l'integratore?

Disclaimer: I contenuti seguenti devono essere intesi come trattazione generale riferita a soggetti sani e, dove indicato, espressione del personale parere dell'autore; in caso di specifiche circostanze il proprio medico e/o farmacista possono rilevare esigenze diverse e per questo consigliare in modo appropriato (quando non addirittura indispensabile) l'assunzione di integratori e/o nutraceutici.
  • Fico d’India
    • L’effetto dell’estratto che trova maggiori evidenze scientifiche è quello di sequestro intestinale di grassi e zuccheri, riducendo quindi l’impatto calorico e insulinico del pasto; è possibile perseguire lo stesso obiettivo con un abbondante consumo di alimenti ricchi di fibra (verdura e frutta) e alimenti a basso indice glicemico (cereali integrali e legumi), indicazioni che dovrebbero peraltro essere attuate dall’intera popolazione nell’ottica di una sana alimentazione.
  • Vitamina A
    • Raggiungere le dosi giornaliere consigliate di vitamina A attraverso l’alimentazione è piuttosto semplice e non pone alcuna difficoltà quando la dieta è varia e sana. Tra gli alimenti che ne sono più ricchi ricordiamo il fegato, la patate dolci, gli spinaci, la zucca e le carote.
  • Vitamina D3
    • La più efficace alternativa naturale è l’esposizione quotidiana al sole di una significativa porzione di pelle (purtroppo non sempre agevole con il nostro clima, per questo sono sempre più comuni gli alimenti addizionati con Vitamina D).
  • Vitamina E
    • È possibile raggiungere facilmente le dosi giornaliere raccomandate di vitamina E attraverso l’alimentazione; ad esempio sono ricchi della sostanza le olive, la frutta secca a guscio (noci, arachidi, mandorle, …) e cereali integrali.

Recensioni (0)

Recensioni dei lettori

0.0 su 5
0
0
0
0
0
Cosa ne pensi?

Ancora nessuna recensione.

E tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non solo diete