Ultimo aggiornamento prezzi: 21 Settembre, 2021 22:23
× Product prices and availability are accurate as of the date/time indicated and are subject to change. Any price and availability information displayed on Amazon at the time of purchase will apply to the purchase of this product.

Papaya Soleil funziona? Recensione, opinioni e prezzo

Scrivici cosa ne pensi!

Acquista con sicurezza su amazon.itAmazon.it
Compra ora

Papaya Soleil, prodotto da Zuccari, è un integratore a base di Papaya fermentata specifico per la stagione estiva, caratterizzato dalla presenza di ulteriori principi attivi ad azione antiossidanti noti per la loro azione di protezione dai pericolosi raggi solari UV.

La confezione contiene 30 bustine, da sciogliere direttamente sotto la lingua nella dose di una bustina al giorno (è importante evitare di mangiare e bere nei 5 minuti che precedono/seguono l’assunzione); secondo il produttore l’assunzione andrebbe iniziata 30 giorni prima dell’esposizione solare e continuata per tutto il periodo di esposizione.

La composizione, come da abitudine Zuccari, NON prevede:

  • derivati animali
  • ingredienti OGM
  • glutine
  • zucchero.
MinSan: 974761710
EAN: 8026380706181
Bustine orosolubili (Da masticare)
Linea Papaya Zuccari
Ultimo aggiornamento il 21 Settembre, 2021 22:23

Promozioni e prodotti correlati sponsorizzati

Andamento dei prezzi nel tempo

Prezzi di Zuccari Papaya Soleil, 30 Bustine da 3,3 grammi Abbronzatura
Ultime variazioni
  • 17,50€ - 5 Dicembre, 2020
  • 17,85€ - 23 Novembre, 2020
  • 17,00€ - 22 Novembre, 2020
  • 17,85€ - 21 Settembre, 2020
  • 18,00€ - 12 Settembre, 2020
  • 20,95€ - 9 Settembre, 2020
  • 19,89€ - 6 Settembre, 2020
  • 19,90€ - 29 Agosto, 2020
Since: 7 Agosto, 2020
  • Prezzo più alto 22,91€ - 15 Agosto, 2020
  • Prezzo più basso 17,00€ - 22 Novembre, 2020

Hai domande? Dubbi? Segnalazioni?(2)

Scrivi di seguito...


Ospite
Rosaria
4 Dicembre, 2020

previene le scottature? ho una pelle molto chiara e delicata e mi brucio sempre anche con la crema

Supporto
4 Dicembre, 2020

Assolutamente no, può ridurre il danno ossidativo, ma non previene le ustioni.

 

Composizione

Composizione per singola unità posologica (compressa, capsula, flaconcino, bustina, dose, ...).
Principio attivoQuantità
Papaya fermentata3000 mg
Licopene1 mg
Vitamina C112 mg
Vitamina A25 mg
Selenio8.25 mcg
Vitamina E31.8 mg
Rame0.15 mg
  1. Vitamina C, anche conosciuto/a come Acido ascorbico
  2. Vitamina A, anche conosciuto/a come Retinolo, Retinale, Beta-carotene
  3. Vitamina E, anche conosciuto/a come Tocoferolo

Controindicazioni e avvertenze

Disclaimer: Il seguente elenco potrebbe non essere esaustivo, si raccomanda di consultare il proprio medico o farmacista per qualsiasi dubbio, soprattutto nel caso di patologie e/o contemporaneo utilizzo di farmaci o integratori (anche se non segnalati nell'elenco seguente); in caso di comparsa di effetti indesiderati interromperne immediatamente l'assunzione e rivolgersi al medico.

  • Licopene
    • È considerato assolutamente sicuro alle comuni dosi alimentari, salvo per soggetti sensibili in cui si sono registrati effetti avversi quali ad esempio diarrea, nausea, mal di stomaco o crampi, formazione di gas e riduzione dell’appetito.
  • Papaya fermentata
    • Esistono alcune evidenze che sembrano dimostrare un effetto ipoglicemizzante (abbassamento della glicemia), si raccomanda quindi attenzione nel caso di diabetici in terapia per il possibile rischio di ipoglicemia.
  • Rame
    • Generalmente ben tollerato, ad alte dosi sono stati registrati disturbi gastrointestinali (dolori addominali, crampi nausea, diarrea e vomito).
    • Donne in terapia con anticoncezionali orali (pillola) manifestano un aumento dei livelli circolanti del metallo, è quindi importante evitare di assumere dosaggi eccessivamente elevati.
  • Selenio
    • Alle dosi comunemente utilizzate la molecola appare sicura e tra i possibili effetti collaterali troviamo disturbi minori come fastidi gastrici, mal di testa, sfoghi cutanei.
  • Vitamina A
    • Essendo una vitamina liposolubile, ossia in grado di sciogliersi nei grassi, è possibile andare incontro ad un eccessivo accumulo e ai relativi fenomeni di tossicità. Benché possibile, è raro che questa ipervitaminosi si sviluppi attraverso la sola dieta, mentre serve maggior cautela nel caso di assunzione attraverso integratori (l’associazione di diverse formulazioni contenenti vitamina A o derivati va ponderata con cautela, così come è da evitare un aumento indiscriminato delle dosi oltre quelle consigliate dai produttori).
  • Vitamina C
    • Mentre non si segnalano controindicazioni relative ad un consumo anche molto elevato attraverso gli alimenti, negli anni sono stati sollevati alcuni dubbi su integrazioni ad alte dosi in relazione ad un possibile aumento del rischio di formazione di calcoli renali.
    • Un sovradosaggio in forma d’integrazione può tuttavia causare la comparsa di disturbi gastrointestinali dovuto ad un richiamo d’acqua nell’intestino.
  • Vitamina E
    • Non sono noti episodi di tossicità legati al solo consumo alimentare di vitamina E.
    • Il sovradosaggio della vitamina attraverso l’integrazione (in genere per errori di assunzione o contemporanea somministrazione di formulazioni che la contengono) può invece causare effetti collaterali anche gravi.
    • La vitamina E può interagire con alcune classi di farmaci, si raccomanda un parere medico nel caso di assunzione di anticoagulanti (come Coumadin), simvastatina, chemioterapia e radioterapia.

Avvertenze generali
  • Non superare la dose giornaliera consigliata dal produttore.
  • Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata ed uno stile di vita sano.
  • Per un utilizzo prolungato rivolgersi preventivamente al proprio medico.
  • Conservare il prodotto in un luogo fresco ed asciutto, al riparo dalla luce e dalle fonti di calore localizzate, dai raggi solari e dall’umidità.
  • Non utilizzare oltre la data di scadenza.

Efficacia e alternative

Disclaimer: I contenuti seguenti devono essere intesi come trattazione generale riferita a soggetti sani e, dove indicato, espressione del personale parere dell'autore; in caso di specifiche circostanze il proprio medico e/o farmacista possono rilevare esigenze diverse e per questo consigliare in modo appropriato (quando non addirittura indispensabile) l'assunzione di integratori e/o nutraceutici.

Per quanto riguarda l’efficacia e l’utilità della papaya fermentata rimando alla specifica monografia.

Passando invece all’analisi di Papaya Soleil nel complesso… beh, ormai sapete che sono un po’ fissato e ritengo che sarebbe preferibile puntare soprattutto su un’alimentazione ricca di frutta e verdura come principale fonte di antiossidanti. In modo paragonabile all’integratore, ad esempio, è possibile consumare

  • Noci brasiliane come fonte di selenio
  • Olio EVO come fonte di vitamina E
  • Pomodori come fonte di licopene
  • Frutta fresca come fonte di vitamina C (fragole, ciliegie, …)
  • Carote come fonte di beta carotene

È necessario assumere tutto questo tutti i giorni? Salvo l’olio EVO assolutamente no, ma facendo in modo di fare quotidianamente il pieno di frutta, verdura (e cereali integrali!) non c’è pericolo di carenza.

Roberto Gindro, laureato in farmacia, PhD


Valutazioni di efficacia basate principalmente sul Natural Medicines Therapeutic Research Center

  • Licopene
    • Il licopene è una molecola chimicamente simile al beta carotene, di cui è molto ricco il pomodoro, ma che si trova anche in pompelmo rosa, arance rosse, albicocche e anguria. È presente anche nel ketchup.
    • Conosciuto come antiossidante, nonostante una ricerca piuttosto attiva non disponiamo ancora prove certe della sua efficacia (soprattutto quando usato come integratore e quindi separato da altre possibili sostanze presenti nei vegetali per il consumo alimentare).
  • Papaya fermentata
    • La papaya fermentata è in genere studiata e promossa per la sua attività antiossidante, quindi l’alternativa più naturale è l’assunzione di elevate quantità di frutta e verdura nella normale alimentazione.
    • Anche l’attività fisica, a patto che sia praticata in modo regolare ed evitando ogni possibile deriva verso eccessi poco salutari, stimola adattamenti biologici che consentono di far più efficacemente fronte ai radicali liberi.
  • Rame
    • Il fabbisogno quotidiano di rame può essere facilmente raggiunto attraverso l’alimentazione, ne sono infatti ricchi:
      • Legumi (piselli, fagioli, ceci)
      • Funghi
      • Patate
      • Cacao
      • Frutta secca e semi oleosi (in particolare anacardi e noci brasiliane)
      • Fegato
      • Molluschi e crostacei
    • Ad oggi l’unica indicazione in cui sia stata accertata l’efficacia di un’integrazione è la carenza, ma come detto attraverso un’alimentazione varia si tratta di situazioni poco comuni.
    • Ricerche preliminari ne hanno indagato la possibile utilità per il trattamento/prevenzione dell’osteoporosi, senza tuttavia risultati significativi.
  • Selenio
    • Il selenio rappresenta nell’organismo un utile cofattore per numerose funzioni enzimatiche, tra cui la protezione dal danno ossidativo.
    • Le fonti alimentari più importanti di selenio nella nostra dieta sono
      • pesce
      • frattaglie
      • cereali (se integrali in maggior quantità)
      • verdure.
    • Presente soprattutto nei multivitaminici e nelle associazioni di antiossidanti, spesso promosso come elemento miracoloso, l’unica indicazione in cui trova pieno supporto dall’analisi della letteratura scientifica è la condizione di carenza (improbabile nei casi di dieta sana e varia).
    • Sembra inoltre che possa esserci un beneficio significativo nei pazienti affetti da tiroidite autoimmune e nelle donne in gravidanza a rischio di sviluppo di pre-eclampsia.
    • Per tutte le altre indicazioni troviamo, nella migliore delle ipotesi, prove promettenti o inconsistenti.
  • Vitamina A
    • Raggiungere le dosi giornaliere consigliate di vitamina A attraverso l’alimentazione è piuttosto semplice e non pone alcuna difficoltà quando la dieta è varia e sana. Tra gli alimenti che ne sono più ricchi ricordiamo il fegato, la patate dolci, gli spinaci, la zucca e le carote.
  • Vitamina C
    • Il consumo di un’abbondante quantità giornaliera di frutta e verdura è in genere sufficiente a garantire l’apporto consigliato di vitamina C.
  • Vitamina E
    • È possibile raggiungere facilmente le dosi giornaliere raccomandate di vitamina E attraverso l’alimentazione; ad esempio sono ricchi della sostanza le olive, la frutta secca a guscio (noci, arachidi, mandorle, …) e cereali integrali.

Recensioni (0)

Recensioni dei lettori

0.0 su 5
0
0
0
0
0
Cosa ne pensi?

Ancora nessuna recensione.

E tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non solo diete
Logo