Diete senza carboidrati

by admin Tag: carboidrati

Link sponsorizzati

Le diete povere di carboidrati limitano gli alimenti ricchi di questi principi nutritivi, per esempio il pane, i cereali, il riso, le verdure la frutta, privilegiando gli alimenti che contengono proteine e grassi. Esistono numerosi tipi di diete a basso contenuto di carboidrati, ciascuna con diverse limitazioni relative al tipo e alla quantità di carboidrati; esempi di dietesimili sono la dieta Atkins, la dieta a zona e la dieta proteica.

Lo scopo principale di questo approccio dietetico è ovviamente perdere peso, si potrebbe scegliere questo tipo di dieta perché piace il tipo e la quantità di alimenti che la compongono, oppure si può credere che una dieta povera di carboidrati aiuti a perdere velocemente e facilmente peso.

La teoria

I carboidrati aumentano i livelli di zucchero nel sangue, incrementando di conseguenza le secrezioni di insulina; la teoria su cui si basa la dieta a basso contenuto di carboidrati è che l’insulina favorisce il passaggio dello zucchero dal sangue alle cellule impedendo il consumo dei grassi accumulati. Ciò significa che non brucerete il grasso in eccesso e non perderete peso. I sostenitori di questo approccio compiono un ulteriore passo in avanti: affermano che se i carboidrati aumentano i livelli di zucchero e di insulina nel sangue e causano un aumento di peso, una diminuzione di carboidrati si tradurrà al contrario in livelli di zucchero e di insulina nel sangue più bassi, con conseguente perdita di peso. Non assumendo più carboidrati il corpo tende a consumare grassi, i quali forniscono l’energia necessaria.

Alcune persone riescono a perdere peso con le diete a basso contenuto di carboidrati, ma la perdita di peso probabilmente non è legata ai livelli di zucchero e di insulina nel sangue.

Menu tipico

In generale, le diete a basso contenuto di carboidrati si concentrano su carne, pollo, pesce, latticini, uova e alcune verdure povere di amido. La dieta esclude o limita la maggior parte dei cereali, fagioli, frutta, pane, dolci, pasta e ortaggi amidacei. Alcuni programmi di diete a basso contenuto di carboidrati consentono frutta, verdura e cereali integrali.

Risultati

Inizialmente, seguendo una dieta povera di carboidrati, si potrebbe perdere più peso rispetto ad una dieta a basso contenuto di grassi o ad una dieta ipocalorica. Questa maggiore perdita di peso può essere o meno mantenuta nel lungo termine a seconda del vostro impegno nel seguire il programma alimentare.

La dieta può poi determinare alcuni benefici per la salute, come ad esempio l’abbassamento dei livelli di colesterolo nel sangue, tuttavia i vantaggi dipendono dagli alimenti che sono parte della dieta. Gli alimenti ad alto contenuto di grassi saturi, che tecnicamente rispondono ai criteri di una dieta a basso contenuto di carboidrati, riducono il potenziale beneficio per la salute.

Sono quattro i fattori che contribuiscono alla perdita di peso attraverso le diete a basso contenuto di carboidrati:

  1. Perdita di peso in acqua. Nelle fasi iniziali il corpo comincia a bruciare glicogeno, che contiene grandi quantità di acqua, per cui bruciare glicogeno conduce al rilascio di acqua e poliuria, causando la perdita di peso.
  2. Diminuzione dell’appetito. Alcuni studi suggeriscono che una dieta povera di carboidrati diminuisca l’appetito, ma il motivo per il quale ciò avviene non è ancora chiaro.
  3. Maggiore senso di pienezza. Le diete a basso contenuto di carboidrati contengono più grassi e proteine, che richiedono un tempo maggiore per la digestione, facendo avvertire un senso di sazietà più a lungo.
  4. Meno calorie. La maggior parte delle diete di questa categoria riduce il complessivo apporto calorico, perché limitano rigorosamente la varietà di alimenti che si possono mangiare. I carboidrati, tra cui pane, pasta, riso, cereali, latte, frutta e i dolci, in genere forniscono oltre la metà delle calorie quotidiane. In una dieta a basso contenuto di carboidrati al contrario questi vengono limitati o evitati, dando luogo ad una significativa riduzione dell’apporto calorico.

In teoria, per poter mantenere la perdita di peso, è necessario continuare il programma. Ma una dieta povera di carboidrati non sembra essere più facile da gestire rispetto a qualsiasi altra dieta. Alcuni studi basati sul confronto tra le diete a basso contenuto di carboidrati e quelle a basso contenuto di grassi hanno rilevato che dopo un anno le persone abbandonano entrambe le diete con gli stessi risultati. Ciò suggerisce che la dieta a basso contenuto di carboidrati, come molte altre diete, non è facile da seguire nel lungo termine.

Rischi

Nessuno conosce gli effetti a lungo termine sulla salute delle diete a basso contenuto di carboidrati. Anche se alcuni studi ne hanno esaminato i benefici ed i rischi, nessuno di questi è stato condotto per un periodo sufficientemente lungo da dimostrare se queste diete aumentano il rischio di sviluppare nel corso degli anni determinate condizioni di salute, come le malattie cardiache, il cancro e problemi ai reni o alle ossa.

Traduzione ed adattamento a cura di Francesca Giannino

Link sponsorizzati

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Leave a Reply

Eventuali risposte NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali e come tali suscettibili di smentita.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.