Fisiodiur Classic e Start-Up: uso, prezzo e recensione. Funzionano?

by admin
Giudizio:
Tag: Zuccari

Link sponsorizzati

Fisiodiur

Fisiodiur

Fisiodiur è una linea di integratori prodotti dall’azienda italiana Zuccari, che hanno lo scopo di

  • drenare i liquidi in eccesso,
  • depurare dalle dannose tossine,
  • regolarizzare il tratto intestinale,
  • migliorare il microcircolo venoso,
  • remineralizzare riapportando preziosi oligoelementi.

Sono disponibili in commercio 2 linee, Classic e Start-Up, la cui differenza principale è una concentrazione doppia di principi attivi nella seconda; esistono poi formulazioni in stick appartenenti alla linea Fisiodiur Start-Up che alla funzione drenante affiancano principi attivi vegetali complementari in grado di coadiuvare anche una dieta dimagrante.

Posologia ed uso

Per assumere il prodotto è necessario diluire 10 ml di prodotto in 1 litro d’acqua, da bere poi poco per volta nel corso della giornata.

Prezzo

Una confezione da 300 ml di Fisiodiur viene venduta ad un prezzo consigliato di € 24.95; la bottiglia è sufficiente a coprire 30 giorni di assunzione (€ 0.83 al giorno).

Esistono poi formulazioni leggermente diverse disponibili in stick liquidi predosati.

Composizione ed ingredienti

Prima di analizzare gli estratti vegetali contenuti, è a mio avviso importante sottolineare che Fisiodiur non contiene:

  • conservanti,
  • zuccheri aggiunti,
  •  acqua aggiunta (ad esclusione della linea Classic),
  • alcool,
  • coloranti.

ed i principi attivi vegetali sono standardizzati, ossia garantiti nella dose indicata sulla confezione.

Vediamo ora quali sono gli ingredienti di maggiore interesse della linea Fisiodiur.

Ingredienti utilizzati nei prodotti Fisiodiur suddivisi per azione.

Drenanti

  • Betulla
  • Gramigna
  • Ortosiphon
  • Pilosella
  • Meliloto

Depuranti

  • Tarassaco
  • Verga d’oro

Regolazione transito intestinale:

  • Prugna
  • Mela
  • Dattero
  • Tamarindo
  • Inulina
  • Fruttooligosaccaridi

Misti

  • Gingko biloba
  • Equiseto

Aromi con attività specifica

Esistono diversi gusti disponibili e, da un caso all’altro, l’aroma scelto potenzia ulteriormente uno o più degli effetti dell’integratore:

  • Ananas
  • Tè verde
  • Finocchio
  • Cannella
  • Pompelmo rosa

Ingredienti

La betulla appartiene alle Betulaceae e di essa vengono utilizzate le gemme, la corteccia e le foglie. La sua azione è drenante e depurativa. Dalle foglie si ricava un estratto utile per combattere i reumatismi, la gotta e le affezioni delle vie urinarie; infatti contribuisce ad aumentare la diuresi senza impoverire l’organismo dai sali minerali. E’ utilizzata spesso anche per gli edemi di natura cardio-renale. La linfa della betulla contiene degli eterosidi che combinandosi nell’organismo per via enzimatica producono salicilato di metile dall’azione analgesica ed antiinfiammatoria. L’azione della betulla è molto apprezzata nel trattamento della cellulite perché ha un’azione antalgica e riduce l’impastamento del tessuto adiposo. Dalla corteccia si ottiene una specie di catrame, utilizzato nei prodotti cosmetici topici e per trattare le malattie cutanee; ed inoltre si distilla l’olio essenziale che prevalentemente è usato in crema per trattare i reumatismi.

Della gramigna (Agropyrum repens) si utilizza la radice, dalla quale si ricava un estratto secco ricco di polisaccaridi (detti fruttani o fruttosani) dalle proprietà antinfiammatorie e diuretiche. La pianta stimola la diuresi, e come la betulla, è utilizzata per la ritenzione idrica in generale, gli edemi, le infezioni urinarie e prevenire la formazione di calcoli renali.

Le foglie di orthosiphon (Orthosiphon stamineus), da cui si ricava l’estratto secco contenuto in Fisiodiur, sono ricche di sinensetina, un flavonoide, che insieme ad altri flavonoidi e polifenoli, oli essenziali e potassio, sono responsabili dell’azione diuretica della pianta. La presenza di potassio evita una diminuzione repentina e dannosa dei sali minerali dovuti all’aumentata diuresi. L’Ortosiphon, grazie alla sua combinazione di diversi principi attivi, possiede anche proprietà drenanti che agiscono sulla bile, prevenendo la formazione di calcoli.

La pilosella (Hieracium pilosella L.) appartiene alla famiglia delle Compositae e di essa si utlizzano tutte le componenti, in particolare le parti aeree. E’ ricca di polifenoli, flavonoidi, tannini, umbelliferone, cumarine, saponine terpeniche, olio essenziale; la radice inoltre contiene inulina, per questo motivo oltre ad essere drenante è anche una pianta dalle proprietà colagoghe e coleretiche (aiuta il fegato e regolarizza il flusso di bile) e lassative. In fitoterapia è utilizzata per trattare affezioni renali, infezioni ed infiammazioni alle vie urinarie, cellulite, artrite. La pilosella è anche un discreto disinfettante, antibatterico ed antiemorragico, grazie alla presenza dei tannini.

Il meliloto (Melilotus Officinalis) appartiene alla famiglia del trifoglio. L’estratto secco si ricava dalle foglie ed è ricco di flavonoidi e cumarine, sostanze che grazie alle possibili diverse strutture molecolari possiedono diverse proprietà. In questa pianta in particolare si hanno le cumarine ad azione vasocostrittrice e flebotonica (aumenta la resistenza e la permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni).

L’azione del meliloto in generale è quella di diminuire il dolore associato all’edema agli arti inferiori e quella di facilitare il drenaggio a livello microcellulare.

Il tarassaco (Taraxacum officinale) è una pianta depurativa della quale viene utilizzata la radice; si ricava un estratto secco ricco di steroli, alcoli triterpenici (tra i quali il tarasserolo), vitamine, inulina e sali minerali. La sua azione è principalmente depurativa in quanto agisce sull’attività del fegato, tuttavia aiuta anche a regolare il transito intestinale grazie all’inulina presente.

La verga ‘oro o anche Solidago (Solidago virga aurea L.) appartiene alla famiglia delle Asteraceae e di essa si usano le sommità fiorite. Ha un’azione depurativa, diuretica ed antisettica. E’ molto indicata per il trattamento di tutti gli stati infiammatori delle vie urinarie e delle affezioni renali. E’ ricca di flavonoidi (azione antiinfiammatoria), tannini (10 – 15%), olio essenziale. I tannini agiscono positivamente contro la diarrea. Per uso topico, il suo estratto viene usato per le sue proprietà cicatrizzanti.

La prugna (Prunus domestica, della famiglia delle Rosaceae), si sa, è uno stimolatore della peristalsi intestinale. Questa sua proprietà deriva da una sostanza la difenil-isatina presente nel frutto. Ovviamente la prugna è ricca anche di sali minerali, in particolare di potassio, e vitamine, soprattutto la A, la B e la C.

La mela, originaria dell’Asia centrale, è un frutto ricco di sali minerali, vitamine (B, E, C, niacina, acido folico), carotenoidi e flavonoidi. Ha un potere antiossidante notevole, ma soprattutto in questi prodotti, viene utilizzata per il suo alto contenuto in pectina, una fibra solubile in acqua, in grado di migliorare e regolarizzare il transito intestinale. Combatte la diarrea e nello stesso tempo aiuta ad eliminare le tossine che vengono inglobate nella sua struttura molecolare.

Il dattero è il frutto della palma da datteri ed è molto ricco di zuccheri, potassio, fosforo, calcio e ferro, oltre alle vitamine A e B. Inoltre ha un effetto benefico sul transito intestinale in quanto è ricco di fibre.

Il tamarindo (Tamarindus indica L.) è una pianta proveniente dall’India, i cui frutti, essiccati, vengono impiegati per attività terapeutiche. Il frutto ha proprietà purganti e rinfrescanti. L´azione purgante è determinata dalla presenza di acidi organici come l’acido tartarico, l’acido malico e l’acido citrico. L’azione lassativa è però legata alla concentrazione di queste sostanze, infatti a basse dosi il tamarindo è solo rinfrescante (che sono poi le bibite che si trovano in commercio), per avere quindi l’effetto purgante l’estratto secco deve essere concentrato. La sua azione purgante non causa dolori addominali di natura spasmolitica.

L’inulina e frutto-oligosaccaridi sono fibre vegetali solubili presenti in tantissime piante e tantissimi frutti che aiutano il transito intestinale. L’inulina è la sostanza, dalla quale, per idrolisi enzimatica, si ricavano i FOS, cioè i frutto-oligosaccaridi. Quest’ultimi hanno anche un potere dolcificante e prebiotico cioè sono nutrienti per la flora batterica dell’intestino. I FOS riducono l’assorbimento di grassi e zuccheri e conferiscono il senso di sazietà. Sembra, inoltre, che contribuiscano a ridurre il colesterolo e i trigliceridi nel sangue.

Il ginkgo biloba è una pianta originaria della Cina, dalle cui foglie si ricava un estratto secco ricco di flavonoidi, acidi organici e lattoni specifici di questa pianta: i ginkgosidi e il bilobalide. Il Ginkgo è molto utile per trattare i problemi circolatori soprattutto cerebrali (è molto spesso usato per i problemi di memoria e di apprendimento nelle persone anziane; rispetto a questo, la sua azione è vasodilatatrice, in questo modo aiuta a prevenire la formazione di coaguli e poi come detto migliora la microcircolazione e la fluidità del sangue.

L’equiseto (Equisetum arvense) è una pianta di cui si usano le parti aeree e dalle quali si ricava un estratto secco ricco in particolar modo di sali di silicio, oltre ad altri sali importanti. La sua azione è quindi rimineralizzante delle ossa e viene soprattutto impiegato per trattare i reumatismi, le fratture e le artrosi. L’equiseto stimola la sintesi del collagene nelle ossa e nel tessuto connettivo favorendo la ricostruzione cartilaginea. Anche l’elasticità dei tendini risulta migliorata dall’utilizzo di questa pianta.

L’ananas (Ananas comosus), frutto tropicale dalle numerose proprietà: tra le quali quella digestiva è la più evidente. Dal suo gambo si ricava un estratto ricco di bromelina, un enzima in grado di scindere le grosse proteine che in questo modo riescono ad essere digerite più velocemente a livello gastroenterico e riescono ad essere espulse più facilmente dal tessuto cellulitico nel quale rimangono “imprigionate” a causa della loro dimensione. La bromelina facilita il drenaggio dei liquidi e possiede proprietà antiinfiammatorie. Da ricerche recenti sembra che la bromelina riesca a ridurre l’aumento di insulina nel sangue e di conseguenza ridurre l’accumulo degli zuccheri in eccesso sotto forma di grassi.

L’estratto secco di tè verde (Camellia sinensis) si ricava dai boccioli e dalle due prime foglie dei rami.Grazie ai suoi principi attivi è indicato per il trattamento del sovrappeso e dell’obesità. Infatti l’estratto è ricco di principi attivi come la caffeina e i polifenoli, che insieme agiscono sinergicamente sulle catecolamine, neurotrasmettitori che stanno alla base del funzionamento metabolico, aumentandone la produzione e pertanto esercitando un’azione stimolante sul sistema nervoso con evidente miglioramento del tono dell’umore e attivazione del metabolismo basale.

Il finocchio (Foeniculum vulgare) è da sempre conosciuto per le sue proprietà digestive; infatti è usato anche nei neonati per trattare i dolori addominali, ma non solo per gli adulti è utile in caso di colite, gastrite, aerofagia, gonfiori intestinali ecc. L’estratto secco, che si ricava dai frutti, è ricco di un olio essenziale costituito prevalentemente da anetolo che gli dona il caratteristico profumo. Il finocchio impedisce il processo di fermentazione degli alimenti in fase digestiva evitando così la formazione di aria.

La cannella (Cynnamomum zeylanicum blume), oltre che essere una spezia ed un’aroma importante in cucina e nei preparati anche a fini terapeutici, fornisce un estratto ricco di oli essenziali e tannini che le donano diverse proprietà: è antivirale, riduce i gas intestinali ed ha un leggero effetto afrodisiaco oltre che dare un aiuto al processo digestivo.

Il pompelmo rosa, rispetto a quello giallo è maggiormente ricco in pectina, la fibra idrosolubile che abbiamo visto presente anche nella mela. Nel pompelmo tuttavia la petcina è contenuta nell’involucro bianco che si trova al di sotto della buccia, ben visibile quando la si toglie. Ecco perché per avere una buona quantità di pectina dal pompelmo è necessario utilizzare un estratto e non è sufficiente consumare il frutto, come accade per la mela, dove la pectina è contenuta nel suo succo.

Controindicazioni

Dati i numerosi principi attivi contenuti, è molto difficile stilare un elenco completo delle controindicazioni, mi limito quindi a segnalare quelle che a mio avviso sono più importanti, raccomandando a coloro che fossero in cura con altri farmaci di valutarne la compatibilità con il medico.

La linea Fisiodiur è assolutamente controindicata in caso di assunzione di farmaci in grado di fluididificare il sangue (aspirina, Ascriptin, Cardirene, Coumadin, Sintom, Cardioaspirin, …) per il rischio di emorragie.

E’ poi a mio avviso da assumere con cautela nei soggetti che soffrono di colite od intestino irritabile, per la presenza di sostanze lassative.

Opinioni e pareri: funziona?

L’avete provato? Che risultati avete avuto con Fisodiur? Avete dei dubbi? Scrivete tutto nei commenti!

Link sponsorizzati

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. MAYA79

    io ho provato il Fisiodiur clasic e vi dirò che ha funzionato, non è che sono uscita come Claudia Shiffer ma le gambe sono molto meno gonfie e l’intestino è più regolare. Aimè quando ho smesso di prenderlo l’intestino è tornato come prima ma a distanza di 15 gg le gambe vanno ancora bene! il gusto non è male si beve anche volentieri.

  2. Mila

    Ho usato il prodotto fisiodur up ed ho visto discreti risultati . Volevo chiedere se x caso rende le feci scure e poi dopo quanto tempo posso riutilizzarlo? Grazie

    1. admin

      Per quanto riguarda la colorazione delle feci, mi dice che colore è la soluzione (al momento non riesco a verificarlo)?
      2-3 settimane fra un ciclo e l’altro sono in genere sufficienti.

  3. mario atrio

    salve volevo fare una domanda, fisiodiur può esser preso se si assume una pillola sciogli grasso come gymnesnel??

    1. admin

      Personalmente non assocerei due integratori, piuttosto li alternerei.

    2. admin

      Sì, per esempio per non rischiare interazioni, sovradosaggi di eventuali sostanze in comune, …

    3. luigi

      Dopo l assunzione di start up man, devo sospendere per un pò di tempo o devo assumere un altro prodotto in alternativa?
      Ho 52 anni e sono sportivo
      grazie

  4. Paola

    Me lo ha consigliato la mia dietologa start up purtroppo mi ha provocato una diarrea prolungata ed anche bruciore e emorroidi. Appena ho sospeso tutto è tornato a posto.peccato oltre a star male ho speso anche oltre ventinove euro!

  5. Profisiodiur

    Buonasera io il FISIODIUR start up lo uso una volta l anno funziona si ! Io vedo un cambiamento su braccia gambe e addome mi sgonfia eccome ! L unico problema è che non lo trovo più..sono di Genova mi è stato detto da diverse farmacia che non lo fanno più ma è vero ? Help 🙁

    1. admin

      Alcune formulazioni contenenti tè verde potrebbero aumentare il rischio di effetti collaterali legati alla pillola (mal di testa, per esempio), ma non dovrebbe venire meno l’efficacia anticoncezionale.

    1. admin

      Anche se non vedo interazioni, ritengo indispensabile il preventivo parere del medico, che valuti l’opportunità di ricorrere a un diuretico nel suo caso specifico.

  6. Cristina

    Buongiorno
    Volevo sapere se si può assumere soffrendo di reflusso ?
    Se si quale gusto ?

    1. admin

      Difficile fare previsioni, ma è possibile che alcuni principi attivi (a prescindere dal gusto) possano dare qualche fastidio; cercherei di spostare l’assunzione per quanto possibile in momenti di “stomaco pieno”.

  7. Claire

    Buonasera sono stata operata da aneurisma celebrale 10 mesi fa ,posso assumere il fisiodiur ogni giorno grazie

  8. Yvy

    Ho provato lo start up e associando ad una dieta equilibrata ed un discreto esercizio fisico, sono riuscita a perdere 12 kg in due mesi e mezzo! A me ha funzionato, poi ovviamente ogni prodotto è soggettivo, ciò che può funzionare a me, potrebbe essere acqua fresca per qualcun altro! Cmq per me: fisiodiur start up a vita!

Leave a Reply

Eventuali risposte NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali e come tali suscettibili di smentita.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.