Colesterolo alto: alimentazione e dieta

by admin Tag: colesterolo

Link sponsorizzati

Uno studio condotto presso l’Università di Toronto e pubblicato sulla rivista Journal of the American Association ha sottolineato come per abbassare i livelli di colesterolo LDL ( il cosiddetto colesterolo cattivo) più che una dieta povera di grassi saturi è efficace una dieta ricca in proteine della soia, ricca di fibre come quelle contenute nello psillio, nell’ avena, nell’orzo e che prevede qualche mandorla, qualche noce e qualche nocciolina americana.

Nello studio in questione i ricercatori hanno seguito 351 pazienti tutti affetti da ipercolesterolemia (colesterolo alto): i pazienti sono stati suddivisi in tre gruppi in modalità casuale e sono stati monitorati i livelli di colesterolo LDL per sei mesi; nei pazienti che hanno seguito una dieta povera di grassi saturi è stata ravvisata una diminuzione del colesterolo LDL del 3%, mentre nei pazienti che hanno fatto incetta di soia, fibre e frutta secca la riduzione del colesterolo LDL è stata del 13%. Dallo studio, però, è anche emerso che se i pazienti ricevono un’informazione approfondita sulla corretta alimentazione da adottare in caso di ipercolesterolemia è possibile ravvisare ugualmente una regolarizzazione dei livelli di colesterolo.

Per la popolazione europea il consumo di soia o di cereali come l’avena può risultare un po’ indigesto, quali sono allora i cibi da consumare, da consumare con parsimonia o da evitare in caso di ipercolesterolemia? Fra gli alimenti di libero consumo citiamo:

  • Pesce azzurro,
  • sardina,
  • sgombro,
  • aringa,
  • tonno,
  • anguilla,
  • salmone.
  • Pesce bianco,
    • merluzzo,
    • passera,
    • sogliola,
    • cernia.
  • Albume d’ uovo,
  • Tutti i legumi,
  • Tutte le verdure e gli ortaggi,
  • Tutti i tipi di frutta,
  • Pane e cereali senza limitazione (da preferirsi però integrali),
  • Per condire utilizzare solo olio d’oliva.
  • Fra quelli da consumare non più di 2-3 volte a settimana si annoverano:

    • Carne,
    • pollo senza pelle,
    • carne magra di maiale,
    • prosciutto crudo.
  • 2-3 uova a settimana,
  • Yogurt e latte solo scremato,
  • Formaggi solo freschi,
  • Pasta all’uovo.
  • Mentre sono del tutto proibiti:

    • Pesce sotto sale,
    • Frutti di mare e crostacei,
    • Panna, maionese, strutto, burro, margarina,
    • Formaggi con alto contenuto di grasso,
    • Cioccolato,
    • Fritti,
    • Alcolici.
    Colesterolo ed alimenti da evitare

    Colesterolo ed alimenti da evitare (http://www.flickr.com/photos/pacroon/2776256262/)

    Dieta per innalzare i livelli di HDL (colesterolo buono)

    Capita che anche a fronte di una colesterolemia totale buona i livelli di colesterolo buono HDL risultino invece insoddisfacenti:

    1. Se si fuma è necessario smettere in quanto il fumo di sigaretta inibisce la produzione di HDL.
    2. E’ importante svolgere con regolarità e costanza attività fisica di tipo aerobico (ad esempio lunghe passeggiate e nuotate).
    3. Anche la regolarizzazione del peso corporeo è importante per innalzare i livelli di colesterolo HDL.
    4. Sebbene vi siano pareri contrastanti in merito, sembra che anche un bicchiere di vino rosso a pranzo possa aumentare i valori di colesterolo HDL,
    5. come pure sembra che possa essere possibile innalzarlo attraverso il consumo di succo di mirtilli,
    6. mangiando pesce ricco di acidi grassi del tipo omega-3,
    7. usando l’olio extra vergine d’oliva come unico condimento.

     

    Fonte: Jenkins D. Journal of the American Medical Association, Aug 22, 2011

    Ruel G. Favourable impact of low-calorie cranberry juice consumption on plasma HDL-cholesterolconcentrations in men. Br J Nutr. 2006 Aug;96(2):357-64.

    Link sponsorizzati

    Articoli correlati

    Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

    oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

    Domande, suggerimenti e segnalazioni

    Leave a Reply

    Eventuali risposte NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali e come tali suscettibili di smentita.

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.