ReCode: uso, prezzo e recensione. Funziona?

by admin
Giudizio:
Tag: ReCode Zuccari

Link sponsorizzati

Re-Code

Re-Code

Devo ammettere che i nomi e le simbologie usate dalla Zuccari nella scelta dei nomi dei loro prodotti mi hanno sempre incuriosito e ReCode non fa eccezione; Re-Code nasce con l’obiettivo di aiutare le donne che, superati i 30 anni, non riescono a perdere i chili in eccesso. Per aiutarle a dimagrire i laboratori Zuccari hanno messo a punto una formulazione con un approccio piuttosto diverso rispetto ai tradizionali integratori dimagranti, tanto che parlano con particolare enfasi di integratore dimagrante di terza generazione.

In linea con i presupposti di fornire un rimedio naturale, Re-Code non contiene:

  • zuccheri aggiunti,
  • conservanti,
  • coloranti,
  • alcool.

Posologia ed uso

La Zuccari consiglia di assumere 25 ml di Re-code al giorno, diluiti in un litro di acqua da assumere poco per volta.

Prezzo

Il prezzo consigliato di € 45.00 (20 giorni di cura, € 2.25 al giorno) pone l’integratore nella fascia medio-alta del mercato, ma offrendo in cambio una particolare attenzione nella cura del confezionamento e del materiale aggiuntivo presente:

  • Flacone contenente 500 ml di sciroppo Dimagrante Re-Code,
  • Catalogo esplicativo,
  • CD Rom con presentazione multimediale del prodotto.

Composizione ed ingredienti

Re-code è così formulato:

  • 3nergy,
  • Tarassaco,
  • Equiseto,
  • Rabarbaro,
  • Fibre prebiotiche,
  • Papaya fermentata,
  • Collagene.

La formula 3nergy brevettata da Zuccari ed integrata in ReCode contiene diversi principi attivi che, in sinergia tra loro, sono stati scelti per contribuire alla perdita di peso: partendo dal presupposto che parte delle difficoltà incontrate dalle donne oltre i 30 nel dimagrire derivano da una costante ma irregolare diminuzione dei livelli di ormoni estrogenici circolanti, iniziamo parlando dei fitoestrogeni estratti dalla Pueraria Lobata. Si tratta in particolare di ormoni vegetali, utili per bilanciare l’andamento dei livelli ormonali dell’organismo che descrescono con il passare degli anni.

Sono poi presenti anche fermenti lattici e Florizina, al fine di favorire un assorbimento migliore degli isoflavoni.

Ristabilire l’equilibrio ormonale perduto permette di re-codifcare (ReCode) i messaggi trasmessi dagli estrogeni relativi alla mobilizzazione dei grassi.

Il tarassaco, altro estratto vegetale presente in Re-code, è famoso per le sue proprietà depurative: la sua caratteristica principale è quella di aumentare la stimolazione della secrezione biliare e migliorare la salute del fegato. E’ inoltre ricco di vitamina A e C oltre che di sali minerali.

L’equiseto è utile nel contrastare la perdita di materiale osseo oltre che, grazie ai flavonoidi presenti, manifestare una spiccata azione diuretica in grado di facilitare il drenaggio dei liquidi in eccesso.

Il benessere intestinale è un argomento critico per molte donne e la scelta fatta nella formulazione di Re-Code è favorirlo con un’assunzione costante di rabarbaro, che stimola una delicata ma costante evacuazione. Le fibre prebiotiche contenute contribuiscono ulteriormente a quest’effetto, essendo polisaccaridi idrosolubili in grado di svolgere un’azione stimolante per la digestione, oltre a ridurre notevolmente il gas che si accumula nel nostro intestino. Queste fibre aiutano poi ad aumentare il benessere della flora intestinale, favorendo la presenza dei bifidobatteri originari e contrastando la presenza di specie batteriche nocive.

La papaya fermentata, autentico cavallo di battaglia dei laboratori Zuccari, è stata ovviamente scelta per beneficiare della supposta azione anti-age contro i radicali liberi; uno dei rimedi più pubblicizzati negli ultimi anni è proprio la papaya fermentata, capace secondo alcuni studi di stimolare il sistema immunitario. Le proprietà antiossidanti di questo frutto sembrano essere amplificate dal processo di fermentazione applicato nella preparazione di ReCode.

Due parole infine sul collagene, presente nella formulazione di Re-Code grazie alla capacità di aumentare la compattezza e l’elasticità della pelle.

Controindicazioni

Suggerisco prudenza nelle donne affette da colite o in generale con una spiccata sensibilità intestinale; il leggero effetto lassativo di Re-Code potrebbe infatti acuire nei soggetti sensibili sintomi legati ai disturbi intestinali.

Conclusione

Come avrete avuto modo di capire leggendo le diverse proprietà degli ingredienti presenti in Re-Code, questo integratore è decisamente diverso dai classici rimedi per dimagrire; al di là del claim pubblicitario che attribuisce la formulazione ad una ipotetica terza generazione, si nota chiaramente la volontà da parte di Zuccari di offrire un modo alle donne per “prendersi cura di sè” a 360 gradi; affiancata ad una dieta ovviamente indispensabile per perdere peso, l’assunzione quotidiana della bevanda ha l’obiettivo di fornire un aiuto ad ampio spettro all’organismo femminile:

  • Blanda azione lassativa,
  • leggeri effetti rimineralizzanti,
  • stimolante della diuresi,
  • azione del collagene sull’aspetto esteriore della pelle.

Opinioni e pareri: funziona?

Avete provato ReCode? Che risultati avete avuto? Avete dei dubbi? Scrivete tutto nei commenti e fatemi sapere se funziona!

Link sponsorizzati

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

    1. admin

      Onestamente mi atterrei alle indicazioni, che hanno sicuramente un razionale (per esempio, ma non solo, legato al fatto di assumere nell’arco della giornata la dose di principio attivo prevista, anzichè tutta in una volta).

  1. Patrizia

    Secondo me è un buon prodotto per chi ha solo qualche chiletto di troppo, tipo 3/4. Dopo il primo flacone, quindi circa 20 gg, la sensazione di gonfiore che avevo è completamente sparita. L’unico dubbio che ho riguarda la durata del trattamento perché non penso si possa prendere a vita!!!

  2. Anonymous

    ho comprato re-code dopo consiglio della mia erborista, ma per quanto tempo va assunto e se deve essere interrotto dopo una pausa quanto deve essere la pausa?

    1. admin

      Per quanto tempo lo valuterei con l’erborista che ha preso in considerazione il suo caso; la pausa consiglio che sia almeno 1-2 settimana ogni 3-4.

Leave a Reply

Eventuali risposte NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali e come tali suscettibili di smentita.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.