Alli (orlistat): farmaco senza ricetta per dimagrire

by admin
Giudizio:
Tag: Alli farmaci orlistat

Link sponsorizzati

Alli, la confezione iniziale

Alli, la confezione iniziale

Alli è il nuovo farmaco contro l’obesità prodotto dalla GlaxoSmithKline che sarà commercializzato a partire dal 19 novembre anche in Italia come farmaco da banco, acquistabile cioè senza ricetta.

Il principio attivo contenuto è l’orlistat, sostanza base del ben più noto Xenical, farmaco già in vendita dietro prescrizione medica non ripetibile per il trattamento del sovrappeso e dell’obesità.

Il prezzo consigliato è di € 53.00 per l’unica confezione inizialmente in commercio, che contiene 84 capsule: si calcola quindi che:

  • seguendo le indicazioni che suggeriscono l’assunzione di 3 capsule al giorno (colazione pranzo e cena) è sufficiente per 28 giorni con un costo giornaliero pari a circa € 1.90;
  • nel caso in cui si assumano 2 compresse al giorno (per esempio perchè a pranzo si mangia un’insalata) la confezione permette quasi 1 mese e mezzo di terapia al costo quotidiano di € 1.26.

Negli Stati Uniti Alli è già venduto liberamente da circa due anni, come nella maggior parte d’Europa; al momento restano ancora scoperte Italia e Grecia, ma l’attesa sta ormai per scadere.

Perché Alli senza ricetta?

Alli, con il diario ed il libro allegati

Alli, con il diario ed il libro allegati

Alli, venduto con lo stesso nome anche negli USA, è formulato in compresse da 60 mg, questo è significativo in quanto la dose è esattamente la metà di quella presente nel farmaco Xenical (120 mg).

La dose è una delle principali ragioni che hanno indotto a chiederne la libera vendita: 60 mg sono già in grado di dare dei benefici concreti nella perdita di peso e contestualmente provocare minori effetti collaterali rispetto alla dose piena di Xenical.

Alli è venduto in una confezione particolarmente curata contenente fra l’altro:

  • una guida al consumo ricca di consigli per una sana alimentazione ed un corretto stile di vita .
  • un diario alimentare, da compilare durante la dieta per verificare i progressi della stessa e l’efficacia del farmaco.

Orlistat e meccanismo d’azione

L’orlistat è un inibitore della lipasi pancreatica, un enzima prodotto dal pancreas, e di fatto riduce l’assorbimento dei grassi alimentari a livello intestinale; a favore della commercializzazione di Alli ci sono alcuni studi che dimostrerebbero che con una dose di soli 60mg ci sarebbe un 25% in meno di grassi assorbiti contro il solo 30% di una dose di 120mg (Xenical).

Un fattore assolutamente importante è quello che ci consente di considerare l’orlistat come una sostanza efficace nel combattere il sovrappeso: lo Xenical infatti è in commercio da diverso tempo e numerosi dati sono stati raccolti, per la maggior parte a sostegno di questa efficacia. Oltre all’obesità l’orlistat combatte il colesterolo e tiene sotto controllo la concentrazione degli zuccheri nei diabetici, anzi sembra che riesca anche a ridurre l’incidenza del diabete di tipo 2, cioè insulino dipendente.

E’ altresì vero che l’assunzione del farmaco deve essere accompagnata da una dieta ipocalorica a basso tenore di grassi e da attività fisica anche moderata; è proprio su questo punto che i detrattori della libera vendita puntano l’indice in quanto sembra che le persone tendano ad assumere il farmaco senza coltivare la cultura del benessere e senza porre troppa attenzione al corretto metodo di utilizzo.

Come assumere Alli

Appurato che il farmaco è indicato per la perdita di peso nelle persone adulte in sovrappeso (ai bambini e agli adolescenti non va somministrato), la domanda è “come fare a stabilire di avere bisogno del farmaco per dimagrire?”.

Nelle istruzioni contenute nella confezione di Alli è riportata una tabella in cui vengono associate altezza e peso in Kg ed i pesi minimi per l’assunzione.

L’indice di massa corporea (IMC) è l’indicatore primario per stabilire se una persona è in sovrappeso, esso si calcola come peso in chilogrammi diviso l’altezza in metri al quadrato. I pazienti obesi, cioè in sovrappeso eccessivo, hanno un IMC uguale o superiore a 30kg/m2, mentre i pazienti semplicemente in lieve o medio sovrappeso hanno un IMC uguale o superiore ai 28Kg/m2 ma inferiore a 30 .

In pratica se il vostro peso è inferiore rispetto a quello di riferimento relativo alla vostra altezza non assumete Alli:

Alli, retro della scatola

Alli, retro della scatola

Altezza Peso
1,50 m 63 kg
1,55 m 67,25 kg
1,60 m 71,75 kg
1,65 m 76,25 kg
1,70 m 81 kg
1,75 m 85,75 kg
1,80 m 90,75 kg
1,85 m 95,75 kg
1,90 m 101 kg

Le indicazioni di assunzione riportate nella confezione parlano di 3 capsule al giorno, una per pasto da assumersi prima, durante o dopo (entro un’ora) lo stesso. Due cose importanti a cui fare attenzione sono:

  1. il farmaco non deve essere assunto se non si consumano grassi in un dato pasto,
  2. non va superata la dose di 180mg (3 capsule) in 24 ore per una durata totale del trattamento non superiore ai sei mesi, questo per evitare l’insorgere degli effetti collaterali che più avanti vedremo in dettaglio.

Un’altra indicazione molto utile per chi pensa di servirsi di Alli riguarda un periodo di trattamento, chiamiamolo di prova, di 12 settimane: se non si ottengono i frutti sperati, cioè la perdita di peso, deve essere sospeso il farmaco ed il paziente deve necessariamente consultare il suo medico. Questa indicazione deriva dal fatto che il farmaco si è dimostrato efficace nel trattare la riduzione del peso corporeo, pertanto se non vengono raggiunti risultati significativi in questo lasso di tempo significa che o il farmaco non è accompagnato da una dieta adeguatamente ipocalorica o che il paziente può nascondere delle altre problematiche da approfondire in sede clinica.

I diabetici, gli ipertesi e coloro che soffrono di ipercolesterolemia e che pensano di avvalersi di Alli per dimagrire è opportuno che vengano comunque monitorati dal proprio medico in quanto, come abbiamo visto, l’orlistat agisce anche sul livello di zuccheri nel sangue, sul tasso di colesterolo totale, HDL e LDL e sulla pressione arteriosa e quindi potrebbe rendersi necessario un aggiustamento delle dosi dei farmaci specifici che questo tipo di pazienti assume.

Controindicazioni ed effetti collaterali di Alli

Come tutti i farmaci anche Alli ha le sue controindicazioni; è opportuno ripetere che il farmaco è destinato al consumo da parte di persone esclusivamente adulte e non è assolutamente adatto ai bambini e agli adolescenti.

Donne in gravidanza ed in allattamento o persone in trattamento con anticoagulanti orali o persone che soffrono di colestasi (disfunzione meccanica o metabolica della bile che non riesce a fluire dal fegato al duodeno) o ancora persone che soffrono di malassorbimento cronico o sono allergici al principio attivo non devono assumere Alli; così come chi soffre di insufficienza epatica e renale dovrebbe consultare un medico prima di assumerlo.

Evidenze emerse recentemente suggeriscono particolare cautela nei pazienti con patologie renali, pazienti in cura con Eutirox® o con antiepilettici; si ipotizza infatti che un limitato assorbimento dei farmaci già in uso possa essere causa di una ridotta efficacia terapeutica causa rispettivamente di ipotiroidismo e convulsioni.

Importante è sapere che l’orlistat, a causa del suo meccanismo d’azione, cioè di riduzione dell’assorbimento intestinale dei grassi, può causare una ridotta assimilazione di vitamine liposolubili, vitamina A, D, E e K, e un ridotto assorbimento di anticoncezionali orali (in altre la pillola ed Alli non vanno d’accordo).

Come accennato in precedenza la dose di principio attivo di Alli è ridotta della metà rispetto a quella contenuta nello Xenical e ciò fa classificare gli eventuali effetti collaterali come lievi o transitori: si è visto che nella maggior parte dei casi in cui si sono manifestati si sono risolti dopo i primi tre mesi di trattamento.

Gli eventuali effetti collaterali più frequenti riguardano però l’apparato gastrointestinale: le feci delle persone che assumono Alli risultano più oleose, proprio perché ricche di grassi non assorbiti e pertanto i sintomi più comuni potranno essere:

  • urgenza alla defecazione,
  • perdite involontarie o incontrollate di feci oleose,
  • dolori addominali.

Altri sintomi sono stati segnalati, citiamone alcuni fra i più comuni: cefalea, ipoglicemia, irregolarità mestruale, infezioni urinarie ecc.

In alcuni rari casi si sono verificate reazioni allergiche con dispnea, eritema e gonfiore; oppure sanguinamento anale, epatite, diverticolite ecc.

Nel giro di 2 o 3 giorni dalla sospensione del farmaco la consistenza delle feci ritorna ad essere normale.

Volendo invece elencare nel dettaglio tutti i possibili effetti collaterali, compresi quelli molto rari, ricordiamo:

  • Effetti collaterali più comuni

    1. Dolore vescicale
    2. Dolori muscolari
    3. Brividi
    4. Tosse
    5. Diarrea
    6. Difficoltà respiratorie
    7. Congestione dell’orecchio
    8. Febbre
    9. Sensazione generale di disagio o di malattia
    10. Cefalea
    11. Perdita di appetito
    12. Perdita della voce
    13. Dolore nella parte bassa della schiena o nei fianchi
    14. Dolori muscolari
    15. Congestione nasale
    16. Nausea
    17. Naso che cola
    18. Vertigini
    19. Starnuti
    20. Mal di gola
    21. Sudorazione
    22. Disturbi del sonno
    23. Stanchezza o debolezza insolite
    24. Vomito
  • Effetti collaterali meno comuni

    1. Oppressione al petto
    2. Problemi ai denti o alle gengive
    3. Respirazione problematica
    4. Dispnea
  • Effetti collaterali rari

    1. Urine torbide o sanguinanti
    2. Cambiamenti nell’udito
    3. Diarrea contagiosa
    4. Urine scure
    5. Urinazione difficile o dolorosa
    6. Earache
    7. Battito cardiaco accelerato
    8. Stimolo frequente di urinare
    9. Stanchezza generale e senso di debolezza
    10. Orticaria
    11. Raucedine
    12. Irritazione
    13. Prurito
    14. Dolore alle articolazioni, rigidità o gonfiore
    15. Grosso rigonfiamento su viso, palpebre, labbra, lingua, gola, mani, gambe, piedi, o organi sessuali
    16. Feci dal colore acceso
    17. Respiro affannoso
    18. Dolore alle orecchie
    19. Eruzione cutanea
    20. Arrossamento della pelle
    21. Mancanza di fiato
    22. Vesciche della pelle
    23. Gonfiore di palpebre, viso, labbra, mani o piedi
    24. Deglutizione problematica
    25. Dolori addominali nella parte alta a destra
    26. Occhi e pelle gialla
  • Effetti collaterali non accertati

    1. Ansia
    2. Gonfiore
    3. Visione offuscata
    4. Sudorazioni fredde
    5. Coma
    6. Confusione
    7. Stipsi
    8. Pelle fredda e pallida
    9. Depressione
    10. Vertigini
    11. Pelle e capelli secchi
    12. Sensazione di freddo
    13. Perdita dei capelli
    14. Raucedine o voce roca
    15. Aumento della fame
    16. Indigestione
    17. Perdita di appetito
    18. Crampi muscolari e rigidità
    19. Nervosismo
    20. Incubi
    21. Dolori di stomaco, nei fianchi, o nell’addome, probabile irradia alla schiena
    22. Colpo apoplettico
    23. Aumento di peso

Possono poi verificarsi altri effetti collaterali che non richiedono specifiche cure mediche; questi effetti indesiderati possono scomparire durante il trattamento, man mano che il corpo si abitua alla medicina.Parlatene con il vostro medico se uno qualsiasi dei seguenti effetti indesiderati continua a manifestarsi, provoca fastidio o se avete domande specifiche.

  • I più comuni

    1. Dolore addominale o malessere
    2. Mal di schiena
    3. Difficoltà di movimento
    4. Emissione di peti con strani movimenti intestinali
    5. Aumento dei movimenti intestinali
    6. Perdita di controllo dell’intestino
    7. Feci untuose
    8. Macchie di unto sulla biancheria
  • I meno comuni

    1. Prurito della vagina o della zona genitale
    2. Cambiamenti mestruali
    3. Dolore durante i rapporti sessuali
    4. Dolore o fastidio rettale
    5. Secrezioni vaginali dense e bianche, senza odore o con un lieve odore

In alcuni pazienti possono verificarsi anche altri effetti collaterali qui non elencati. Se dovessero manifestarsi altri effetti, discuterne con il personale sanitario.

Per approfondire:

Link sponsorizzati

Pubblicità NON appartenente al circuito Google AdSense

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Mari

    Salve,4 anni fa sono stata operata di isterectomia e non sono più riuscita a dimagrire, sono alta 1.70 e peso 85 kili, pensa che olli possa aiutarmi . grazie in anticipo

Leave a Reply

Eventuali risposte NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali e come tali suscettibili di smentita.